martedì 23 luglio 2013

Lei...

Ieri sera la mia cagnolina è stata molto male.
Ha mangiato qualcosa che ha trovato in giro ed ha avuto problemi di stomaco. Ha avuto delle crisi. Soffriva tanto, non riusciva a respirare, a camminare, dato che ha avuto un blocco intestinale, ed il cuore batteva forte, fortissimo.
E' stato molto brutto.
E' vero, non ha avuto nulla di grave, ma io ho pensato alla sua morte. Ho persino pianto, in auto, mentre mi stavo recando, con lei, dal veterinario.
Io non so cosa potrebbe succedere se lei dovesse mancare proprio adesso. "Io ho bisogno di lei!", questo mi dico e lo so che è un atteggiamento infantile, stupido, ma è così.
Lei per me è importante, perché mi ha aiutato moltissimo durante l'università, durante il coming out e adesso, durante questa fase dura, che non riesco a nominare, dato che non so come si concluderà.
Quante volte ha leccato le mie lacrime, quante volte pare la mia ombra, soprattutto in quei giorni di apatia.

Ora sta meglio. Tutto è passato.

E' strano. Da un po' di tempo io le osservo il musino, ricoperto di pelo bianco, rendendomi conto che lei un giorno morirà, che non vivrà così a lungo.
Ieri sembrava che la sua morte fosse arrivata presto, troppo presto.

Tutti dicono che lei, la mia cagnetta, sia fortuna ad avere noi, io e la mia famiglia, che l'accudiamo, che le vogliamo bene. Io, però, credo che i fortunati siamo noi.

Amleto

mercoledì 17 luglio 2013

Oggi...

Oggi ho cambiato la mia routine. Ho fatto quelle cose che, seppur insignificanti, di solito non faccio. 
Oggi mi sento una persona migliore. 
Oggi sono felice. Davvero felice. 
So che questa felicità, arrivata grazie a due belle notizie, presto svanirà, ma ciò non importa. Sono certo che essa ritornerà. 

Un abbraccio 
Amleto 

P.S. Non posso svelare queste due belle notizie. :)