venerdì 25 gennaio 2013

Probabilmente...

Probabilmente io non dovevo far capire nulla.
Probabilmente lui mi ha preso in giro.
Probabilmente lui è uno stronzo.
Probabilmente lui è confuso.
Probabilmente io non sono figo quanto lui.
Probabilmente era troppo perfetto, irreale.
Probabilmente è giusto così.

Martedì lui era diverso, era distante. Nulla era come il giorno prima.
Il collega, il C, è cambiato, mi ha trattato in maniera diversa. Oggi ha detto alcune frasi, che poteva risparmiare, che mi hanno ferito. Ho dovuto fare finta di niente, sono rimasto inerme. E' stato davvero brutto.
Lui ha iniziato tutto, lui è stato ed è l'ambiguo, lui mi ha fatto perdere la testa, ed ora è lui che fa finta di niente, che vuole smentire tutto, come un bambino.
Provo rabbia, dolore ed umiliazione, mi sento un idiota. E' la prima volta che affronto una situazione del genere.
Vorrei odiarlo, eppure se lo vedessi, proprio in quest'istante, sorriderei, sarei contento. E' così. Non riesco a volergli male, come oggi è accaduto.

Non scrivo altro, perché mi vergogno.
Il tutto è così patetico.

16 commenti:

  1. Ne patetico, ne da vergognarsi.
    E' andata così.
    Tu hai fatto la tua parte, ci hai provato ed è stato bello che il cuore abbia palpitato.
    Che lui sia stato ambiguo o che tu abbia mal interpretato non toglie nulla al fatto che c'è stata una persona che è entrata nella tua storia. E tu ci hai provato.
    Hai fatto bene.

    RispondiElimina
  2. Mio caro, è lui ad essere patetico. Da quello che ci hai raccontati sembra, anzi è, la descrizione di un represso cronico. Ho una esperienza di quasi dieci anni in merito. Non hai fatto nulla di male. Tu sei stato fin troppo signore se sei rimasto in silenzio nonostante le sue parole. Non vale quanto vali tu perché tu sei conscio di te stesso. E questo è il regalo pi grande che puoi fare a te stesso. Vivi sempre a testa alta, sii sempre quello che hai mostrato fino ad ora, cioè un uomo vero. Tu brilli, lui è buio. Allontanati prima di ritrovarti dipendente da lui. Parola mia :)
    Non vergognarti mai! ;)

    RispondiElimina
  3. Concordo con glia altri! Sono esperienze che capitano! Forza e non ti abbattere!
    Bacini ;*

    RispondiElimina
  4. Macché ti vergogni! Non hai fatto niente di sbagliato, niente di male.
    Sai quanta gente c'è che lancia segnali e poi al momento giusto si tira indietro?
    Continua a camminare a testa alta e lascia perdere tutti i "probabilmente" che riguardano presunte tue mancanze, non ti manca niente, anzi!
    Continua ad essere come sei: l'hai detto tu che ti senti una persona migliore. E lo sei!

    ps. non c'è nulla di patetico, salvo forse il comportamento di C. Ma tu lo sai :)

    RispondiElimina
  5. Non devi vergognarti di nulla e non sei patetico, spesso si prendono cantonate del genere con le persone che in un primo momento sono gentili e affabili o sembrano confuse lanciando messaggi ambigui sul loro orientamento sessuale o su di un possibile interesse per noi.

    RispondiElimina
  6. è successo a tutti.... ;) forza e coraggio!

    RispondiElimina
  7. Grazie a tutti!
    Non sono arrabbiato con lui, ma con me stesso. Oggi va già meglio. Sono arrabbiato perché ancora penso a lui, dovrei eliminarlo dalla mia testa, ma non ci riesco.
    Non voglio che lui venga considerato uno stronzo, forse è solo confuso o spaventato.
    Baci :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Visto che non lo conosciamo non possiamo certo giudicarlo o inquadrarlo con precisione magari come dici è solo confuso e spaventato.
      Se fossi in te mi prenderei un po' di tempo per capire la situazione e se le sue frasi sono state dettate più dalla paura e dalla confusione che da altri motivi tipo cattiveria gratuita o dall'intento di ferire. Poi considerando che è un collega di lavoro penso che un chiarimento tra di voi sia necessario visto che vi dovrete vedere, quindi prendi per quanto ti è possibile la cosa con calma senza correre a conclusioni troppo affrettate e cercando di parlare in maniera chiara, anche se so che questo in certe situazioni è un po' difficile.
      Un abbraccio caro Amleto.:)

      Elimina
    2. forse è confuso e spaventato, sicuramente non è un gay "risolto" come qualche volta si dice. Ha paura di essersi esposto, o lo ha fatto pur non essendo sicuro delle sue intenzioni. Se uno è confuso è comprensibile. Sarebbe da persone più mature non coinvolgere altre persone nelle proprie confusioni. dico solo questo. non ti abbattere che queste esperienze fortificano (anche se purtroppo lo si vede dopo)

      Elimina
    3. @ loran - Avevo già pensato ad un chiarimento. Vedremo!
      @ Xersex - Infatti, essere maturi vuol dire essere responsabili delle proprie azioni.

      Elimina
    4. soprattutto quando le azioni coinvolgono altri!

      Elimina
  8. Mi dispiace caro... come hanno già detto gli altri, sono cose che succedono (e neanche troppo raramente, sai?). Purtroppo ci sono persone un po' ambigue o confuse che però spesso sbagliano a far intendere una cosa per un'altra invece che prendersi del tempo per capirsi meglio. E questo non significa essere stronzi o prendersi gioco degli altri, ma semplicemente fare un errore di valutazione personale come tutti potrebbero fare.
    Magari non l'ha fatto neanche con cattiveria.
    Spero si risolva tutto :)

    bacini

    RispondiElimina
  9. Non devi assolutamente vergognarti Amleto.. Tu hai fatto la tua parte e hai tentato.. :)

    RispondiElimina
  10. hahahah che belle 'ste cose. passaggi obbligati caro Amleto, che nostalgia! ;) e tra qualche anno li ricorderai anche tu così (sempre che nel frattempo non abbiate messo su casa insieme hahahah). Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma ridi delle mie disgrazie d'amore!?
      Casa insieme!? Andrea, io sono, ancora, un fiorellino, non voglio accasarmi presto. Che sia chiaro!
      Abbracci a te :)

      Elimina
  11. Povero...
    Hai avuto un gran fegato ad esporti.. altrochè!!

    RispondiElimina