domenica 16 settembre 2012

Tempo




E' da un po' che non scrivo.
Succede di tutto e non succede nulla.
Sinceramente non saprei bene cosa mi stia capitando, sono molto confuso ed il mio umore muta all'improvviso, dalla serenità al nervoso totale. Risento molto di questi sbalzi, così come le persone che mi stanno accanto. Io ho un carattere orribile e non sopporto le persone appiccicose, sono strano e ho bisogno dei miei spazi e dei miei tempi.
Ho dei progetti, ma per ora non svelo nulla. Forse sono troppo ambizioso, ma sperare e provare a fare qualcosa di più non è negativo, anzi, l'importante è rimanere con i piedi per terra e adattarsi qualora nulla si avverasse.
Infatti sto cercando lavoro e non ho pretese, per ora mi accontento di qualsiasi cosa, perché l'attuale situazione mi urta.
So che il contesto non è dei migliori, so che il mio corso di laurea è particolare, so che per trovare un impiego ci vuole tempo ed infine so che le lauree umanistiche offrono la possibilità di reinventarsi, però fatico a vedere positivo.
Fino alla laurea io ero sempre di fretta, facevo mille cose e non avevo mai tempo. Ora invece il tempo ce n'è in abbondanza e stare a casa mi deprime ed io mi sento inutile.
Uscire con i miei amici mi fa sentire fuori luogo, perché ascoltare i loro discorsi sull'università, sul tirocinio e sul lavoro mi fa sentire un po' fallito, come se quel mondo non mi appartenesse più.
Rimpiango tanto quando ogni giorno prendevo il mio treno e la mia metro per giungere al mio ateneo, ogni tanto facevo il mio giretto in centro e guardavo le vetrine, era così bello e poi avere la testa occupata mi faceva stare meglio.
Il problema è che non so bene quale sia il mio posto nel mondo. 
E' solo questione di tempo; ci vuole tempo per migliorare, ci vuole tempo per un lavoro, ci vuole tempo per...
Questo tempo mi ha stufato.
Ho deciso di riprendere a fare nuoto.
Dovrei confessarmi ancora a due persone, ma devo agire al momento giusto.
Invece i rapporti con la mia famiglia procedono bene, oserei dire ottimamente. Mio padre parla di matrimoni gay e cose del genere. Non avevo il dubbio sul fatto che loro fossero persone moderne ed aperte, ma non pensavo fino a questo punto. Sono fortunato ad avere dei genitori tanto meravigliosi.
Baci e buona serata ^_^

21 commenti:

  1. conosco bene questa sensazione di insoddisfazione totale.
    L'ho provata - a suo tempo, anche se detto così sembro più vecchia di quanto non sia in realtà :) - devi solo pazientare, trovare un lavoro è già un ottimo passo per impiegare tutta la tua energia e "sfogarti".
    Quando si arriva a casa distrutti e si sogna solamente il letto si è anche più tranquilli.

    Quanto a tuo padre... è un figo! passami l'espressione, ma lo vorrei io, dove l'hai preso? ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vorrei lavorare, infatti sto cercando qualsiasi cosa.
      Mi manca la routine frenetica.
      Mio padre!? E' un prodotto siculo ;)
      Ciao ^_^

      Elimina
  2. Sono contento che i tuoi genitori si siano aperti così tanto verso di te. Dimostrano davvero tutto il loro supporto e la stima che hanno nei tuoi confronti per esserti finalmente dichiarato.

    Purtroppo il tempo è una fregatura della vita. A volte passa troppo velocemente, a volte non ci permette di essere chi vorremmo essere.
    Ma noi possiamo fregare lui, se lo vogliamo. Prova a spingerti sempre oltre, non avere limiti. Hai un sogno, vuoi un lavoro? Cerca con tutte le tue forze.
    Magari lo troverai, magari no. Ma intanto avrai fatto tutto il possibile...

    Ti auguro di ritrovare la serenità il prima possibile e che le cose continuino ad andare meglio con la tua famiglia.
    Un saluto e buona serata! :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sto cercando di avviare tali progetti, come ho accennato. Ma sto anche attuando delle alternative, è meglio non escludere nulla, soprattutto in questo periodaccio.
      Un bacio e grazie *_*

      Elimina
  3. Prima di tutto bene x la tua famiglia.. sono contento :*

    Per l'università.. datti tempo.. è normale.. hai avuto un bello stacco.. prima avevi una routine.. che è confortante.. adesso è tutto nuovo.. approfittane per riposarti un pò.. se puoi fai un viaggio.. anche da solo.

    E' un periodo di cambiamento.. e come tale non è semplice.. ti muovi su un terreno nuovo.

    Il tuo posto nel mondo.. spero che ne troverai non uno.. ma parecchi..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Narciso, sono proprio fortunato ad avere una famiglia così aperta!
      Io sono un po' sognatore, infatti sto tentando di avverare questi piccoli progetti. Speriamo bene!
      Che siano tanti posti nel mondo ;)
      Un abbraccio ^_^

      Elimina
  4. Cavolo, questa storia del lavoro è già pesante ed è solo l'inizio... Devi aver pazienza ma anche spudoratezza tutti i giorni nella ricerca del tuo posto.

    Stay hungry, stay foolish...

    In bocca al lupo (anche quelli di Maxuccio)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro In tutti giorni sto cercando, inoltre ho l'intenzione di provare a realizzare questi piccoli progetti.
      Speriamo bene, sia per il lavoro e sia per i lupacchiotti ^_^
      Baci a te e al Maxuccio :)

      Elimina
  5. Nella vita bisogna sempre essere ambiziosi, ma contemplare nello stesso tempo la possibilità di fallimento. E' normale sentirsi così all'inizio, e se ti senti diverso dai tuoi amici è solo perchè hai finito prima gli studi ;) Vedrai che col tempo arriverà anche il lavoro, si sa che è un periodaccio per tutti :(
    Bacioooooooooooo Amleto... stavo per scrivere il tuo vero nome ahahah

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh a dire il vero alcuni già lavorano ed altri hanno continuato gli studi, quindi sono io quello che si è fermato.
      Non perdo la speranza, anche se fatico a mantenerla viva.
      Un abbraccio Zeno e non dire il mio vero nome ;)

      Elimina
  6. Si oggi specie per i giovani questo tempo che trascorre dalla laurea al trovare un impiego è sempre più lungo e frustrante, devi avere pazienza e perseveranza, e magari fai un salto dove lavora A o magari vai in palestra con lui così ti svaghi e metti su un bel fisico.:)
    Baci dolce principe.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io come ho scritto anche negli altri commenti sto cercando lavoro e tentando di avverare questi piccoli sogni.
      Basta A. Non vado più in palestra e me ne vado in piscina, magari mi fidanzo con un bel nuotatore ;)
      Bacioni Sciur

      Elimina
  7. E' sempre così. Quando abbiamo bisogno di tempo non ne abbiamo mai abbastanza e vice versa.

    E questo post rafforza la mia tesi: l'equilibrio è bello fino a un certo punto. E' di gran lunga preferibile una vita sempre in movimento.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La vita movimentata è la soluzione, ma movimentata in più aspetti ;)
      Un bacio caro Hermes ^_^

      Elimina
  8. intanto và in piscina a sguazzare tra fisici e costumini, che fà sempre bene!:)mi mancano le tue canzoncine come colonna sonora ai tuoi post!!;)))))baci!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti mancano le mie canzoni!? Provvederò.
      Tu sì che hai gusto ;)
      Bacioni *_*

      Elimina
  9. Leggo per la prima volta questo blog e mi rivedo in così tante riflessioni che scrivi! Fai bene ad avere progetti e a cercare di realizzarli!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Carolina!
      Benvenuta ^_^

      Elimina
  10. purtroppo, quando io ero disoccupato (oltre 10 anni fa), mi sono reso conto che il mio tempo non era quello degli altri. Io avevo bisogno con urgenza di riscontri, che per gli altri avevano ben altra e minore importanza. Si fa notare quanto cambia la percezione del tempo quando si riprende una vita impegnata: gli anni volano. Ora tu hai la precezione che sia tutto fermo... e magari anche da un punto di vista oggettivo è vero. Devi avere pazienza. Il periodo come tu puoi notare, non è dei più felici e fecondi per cercare lavoro. Ecco, magari fai nuoto, fai cose che sai di non potere fare in futuro, perchè sarai - si presume - più impegnato.

    Hai genitori meravigliosi e l'andarci d'accordo aumenta la vita della vostra bella famiglia. Poi hai anche una sorella che pur avendo una famiglia sua, ti può ancora stare vicino... Capisco il senso di smarrimento, ma direi che, nonostante il tempo "fermo", non ti puoi lamentare più di tanto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non mi lamento del tutto, però mi manca la quotidianità di qualche mese fa.
      Lavorare o studiare ti impegna la testa e ti fa sentire meglio.
      Grazie dei complimenti fatti alla mia famiglia.
      Ti saluto *_*

      Elimina