mercoledì 25 gennaio 2012

Una giornata strana

Da domenica e dunque dal primo post mi sento più leggero.
Ieri ho fatto coming out ad una persona per me molto importante, non ce la facevo più, mi sono messo piangere con lei e mi ha detto che lo sapeva già... Abbiamo parlato di tutto e di più, mi sono sentito meglio, subito dopo mi è venuta fame e sonno (ma è possibile?), sono proprio strano!
In realtà non è stato così difficile, ma credo che io abbia avuto più complessi del dovuto.
Oggi invece sono stato a Milano. Ma il tragitto è stato insolito; sono in treno e mi arriva un sms dall'amica che sa tutto e mi chiede se sono a casa, rispondo dicendo che sono in treno e lei poi mi parla del terremoto. Inizialmente non ci credo, penso che sia una cavolata, arrivo in città e tutte le metro sono bloccate, ovvero mi devo fare tutto il tragitto fino al duomo (dietro c'è l'università) a piedi, ma durante la camminata (era una corsa, ero leggermente in ritardo, di 50 minuti, non potevo pensare ci fosse un sisma) mi arriva un sms della mia amica con scritto: "le tue confessioni hanno fatto tremare la terra", mi sono messo a sorridere!
Sarà vero?
Chi lo sa?
Dopo il ricevimento con la mia relatrice, lei mi ha detto che va tutto bene, secondo lei la tesi è scritta benissimo ed io mi sento più tranquillo, decido di fare shopping, poi in questi giorni si trovano cose in saldo al 70% e anche all'80%.
Entro in un negozio di un famoso brand (si dice il peccato e non il peccatore), guardo un po' in giro e non trovo la mia taglia di un pantalone casual, mi giro e vedo che c'è la commessa che parla con due modelli (sembravano due bronzi di Riace della Scandinavia). Quando la commessa finisce con i due ragazzi vado verso di lei e chiedo: "Di questo pantalone c'è la 432?" (ho la taglia italiana media tra la 42 e 44, insomma la 29 americana), lei mi guarda si mette a ridere e mi dice davanti ad alcune persone: "La chicco è più avanti!".
Inizia la mia ira funesta, la guardo e le dico ma come si permette, la minaccio dicendo che non sarei più ritornato in questo negozio (che paura), poi me ne vado...
Va beh sono alto 1.76 e peso 60 kg che ci posso fare!? Non prendo chili, sono stato in palestra ma ho ceduto alla pigrizia, la voglia di ritornarci è ritornata dopo questa battuta ma se n'è già andata verso sera... Speriamo di sistemare questo blog, non ho fatto nessuna modifica, potrei vincere un premio per il blog più triste e brutto dell'annoNon ho tempo!!!
Buona Serata



6 commenti:

  1. quante cose tutte in un tempo brevissimo! prenditi una pausa fai un respiro, e affronta una cosa alla volta, il tuo confidarti con tua madre è già una cosa molto impegnativa, ti auguro di trovare in primis nel ambiente domestico la serenità e comprensione indispensabili per affrontare il resto, per il blog è normale che all'inizio non sai che farne, e come impostare poi le idee si evolvono ed andrà da sè...anche io all'inizio non sapevo come risolvere piccoli problemi tecnici....^__^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma guarda dal primo post si può notare che io volevo dire tutto dopo la primavera dopo la laurea!!!! Infatti l'ho detto solo ad una persona, ma non era nulla di programmato anzi, lei aveva intuito che stessi male dentro di me e ho ceduto. Pensa eravamo usciti a fare una passeggiata e poi è successo tutto!!!!
      Il resto avverrà dopo la laurea, non voglio altri pensieri per ora. La mia famiglia capirà è abbastanza avanti!!!! Grazie dei tuoi consigli

      Elimina
  2. Ciao, bravissimo per la tua scelta di "rivelarti", io non l'ho fatto neanche a me stesso probabilmente, non lo so.
    Credo d'avere più o meno la tua età ed anch'io ho fatto un'università (con esiti disastrosi) vicina al Duomo... Ma non la stessa.
    Riguardo la commessa, bhé è una commessa (ho delle conoscenti che lavorano in centro supersclerate e superfrustrate), fregatene di certe cose, concentrati sulla relatrice :D.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ognuno deve fare questo passo in modo sereno!!!
      Devi essere tranquillo con te stesso, chi ti ama non è interessato ai tuoi gusti sessuali. Se non ti senti sicuro non fare nulla, la vita è tua e poi sei giovane ne hai di tempo.
      L'importante è che tu non ti senta male, essere omosessuali non è una colpa, anche se viviamo in un paese culturalmente arretrato (purtroppo non solo in questo) esistono persone aperte mentalmente che ti capiranno.
      Un consiglio pensa più a te stesso e meno agli altri o ciò che pensano!!!!
      Tranquillo per la storia della commessa non mi vado ad uccidere, ho già rimediato comprando un po' di cose in un negozio della concorrenza!!!!!

      Elimina
  3. L'aspetto estetico di un blog conta davvero molto poco, quando dietro c'è una vita vera da raccontare.
    Continua!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, sempre molto gentile, ma davvero non credevo che potesse essere così impegnativa la realizzazione di un blog.
      Ti auguro una buona giornata!!!!!

      Elimina